News / Stock

La multa francese per Alphie non ferma Google. Corrono Microsoft e Amazon.

Gen 22, 2019 - 17:01 GMT+0200

Multa salata per il più grande motore di ricerca al mondo. Google dovrà pagare 50 milioni di euro perché L’Autorita Nazionale Francese per la Protezione dei dati (CNIL) ha emesso una multa contro la società per aver violato le norme europee sui dati personali (GDPR). Secondo la CNIL, le informazioni fornite da Google non sarebbero state abbastanza trasparenti e facilmente fruibili dagli utenti, ponendo il consumatore nella condizione di dare inconsapevolmente i propri dati al colosso della Silicon Valley, usati per scopi pubblicitari. La società ha dichiarato di prendere sul serio il tema della privacy e di voler studiare la…

Registrati per continuare a leggere gratuitamente